Patente AM

250,00

La patente AM, conosciuta anche come “patentino 50″, sostituisce in tutto e per tutto il vecchio CIGT, Certificato di idoneità alla guida di ciclomotori, definendo nuove norme per il conseguimento dell’abilitazione a guidare una categoria definita di ciclomotori, tricicli leggeri e quadricicli leggeri. Le normative aggiornate sul patentino per ciclomotore sono state allineate nel 2013 alle direttive europee in materia. Potendo essere conseguito fin dall’età di 14 anni, il patentino AM è la prima licenza di guida in assoluto, e ha rappresentato per generazioni il simbolo dell’indipendenza adolescenziale.

Cosa è compreso nel prezzo:
– Iscrizione
– Esame Teorico
– Foglio Rosa
– Corso di Teoria + app

Affrettati ad acquistare il pacchetto che abbiamo ideato per te qui sotto. Vieni ad imparare in un azienda giovane per i giovani, manca poco 😉

Categoria:

Descrizione

Età minima:
14 anni

Età massima:
Segue le scadenze previste per la patente A, ossia: è valida ogni 10 anni fino a 50 anni di età, 5 anni per chi ha un’età compresa tra 50 e i 70 anni, 3 anni per chi ha superato i 70 anni, 2 anni dopo gli 80 anni.

Veicoli che si possono guidare:
• Ciclomotori a due ruote (categoria L1e) con velocità massima di costruzione non superiore a 45 km/h, la cui cilindrata è inferiore o uguale a 50 cm³ se a combustione interna, oppure la cui potenza nominale continua massima è inferiore o uguale a 4 kW per i motori elettrici.
• Veicoli a tre ruote (categoria L2e) aventi una velocità massima per costruzione non superiore a 45 km/h e caratterizzati da un motore, la cui cilindrata è inferiore o uguale a 50 cm³ se ad accensione comandata, oppure la cui potenza massima netta è inferiore o uguale a 4 kW per gli altri motori a combustione interna, oppure la cui potenza nominale continua massima è inferiore o uguale a 4kW per i motori elettrici.
• Quadricicli leggeri la cui massa in ordine di marcia è inferiore o pari a 425 kg, (categoria L6e), con velocità massima per costruzione fino a 45 km/h e cilindrata fino a 50 cm³ per i motori ad accensione comandata (o potenza fino a 4 o 6 kw per gli altri motori).

Requisiti psicofisici richiesti:
Per il conseguimento, la revisione o la conferma di validità della patente di guida occorre che il richiedente, all’accertamento sanitario praticato con i comuni esami clinici e con gli accertamenti specialistici ritenuti necessari, non risulti affetto da malattia fisica o psichica, deficienza organica o minorazione psichica, anatomica o funzionale, tale da impedire di condurre con sicurezza i tipi di veicoli alla guida dei quali la patente abilita.

Le malattie che escludono la possibilità di rilascio delle patenti A, B e superiori sono le seguenti:
• affezioni cardiovascolari
• diabete mellito
• malattie endocrine
• malattie del sistema nervoso (encefalite, sclerosi multipla, miastenia grave, epilessia, ecc.)
• malattie psichiche
• sostanze psicoattive
La patente di guida non deve essere rilasciata o confermata ai candidati o conducenti che si trovino in stato di dipendenza attuale da alcool, stupefacenti o sostanze psicotrope né a persone che comunque consumino abitualmente sostanze capaci di compromettere la loro idoneità a guidare senza pericoli
• malattie del sangue
• malattie dell’apparato urogenitale

Requisiti fisici richiesti:
– Vista
Acutezza visiva non inferiore ai 10/10 complessivi con non meno di 2/10 per l’occhio che vede di meno, anche raggiungibile con correzione di lenti, con differenza tra due lenti non superiore a 3 diottrie
– Udito
Occorre percepire da ciascun orecchio la voce di conversazione a non meno di 2 metri di distanza (anche con protesi)
– Arti
No alterazioni anatomiche o funzionali invalidanti (non ci possono essere protesi)

Che esami bisogna sostenere per il conseguimento della Patente B:

Esame Teorico:
Tra gli argomenti d’esame sono compresi: i segnali stradali, ovvero quelli di pericolo, di divieto, d’obbligo e di precedenza, ma anche i segnali luminosi e la segnaletica orizzontale; la normativa su limiti di velocità, distanza di sicurezza, cambio di corsia e sorpasso; sosta e fermata; assicurazione e comportamento in caso di sinistro stradale; valore e necessità della regola; rispetto della vita, comportamenti solidali alla guida, salute e rispetto dell’ambiente. Costituiscono materia d’esame anche argomenti strettamente correlati ai ciclomotori, come l’utilizzo obbligatorio del casco, gli elementi del ciclomotore e le basi del suo funzionamento, nonché le condizioni psicofisiche richieste per la guida delle due ruote. Il tutto è mirato alla completa acquisizione dell Codice della Strada che regola il comportamento da tenere, e come comportarsi in casi particolari.

Esame Pratico:
La prova pratica per il conseguimento della patente di categoria AM è suddivisa a sua volta in due dimostrazioni distinte: la prima si svolge in un’area attrezzata, dove si valuta la padronanza del mezzo, e la seconda in mezzo al traffico. Solo se si supera la prima fase si può passare alla successiva; entrambe le prove hanno una durata massima di 25 minuti. A valutare la performance del candidato sarà un esaminatore della motorizzazione, che nel caso di tricicli o quadricicli a motore ospiteranno anche l’istruttore. Quest’ultimo dovrà avere un’età inferiore ai 65 anni e dovrà essere titolare da minimo 10 anni di una patente di categoria non inferiore alla B.

Costi aggiuntivi ed essenziali per il conseguimento della patente:
– Esame Pratico [€150]
– Guide [€38]